Fotovoltaico e pensiline: intervista al Responsabile Impianti Elettrici di TPER S.p.A.

Fotovoltaico e pensiline: intervista al Responsabile Impianti Elettrici di TPER S.p.A.

04/07/2019

Conosciamo meglio TPER S.p.A., società che gestisce il trasporto pubblico in Emilia Romagna, intervistando Stefano Lazzari, Responsabile Impianti Elettrici.

TPER (Trasporto Passeggeri Emilia-Romagna) è la società di trasporti pubblici nata dalla fusione dei rami-trasporto di ATC, azienda di trasporti su gomma di Bologna e Ferrara, e FER, società regionale ferroviaria.

Gli azionisti di TPER sono Regione Emilia-Romagna (46,13% delle quote), Comune di Bologna (30,11%), Città Metropolitana di Bologna (18,79%), Azienda Consorziale Trasporti ACT di Reggio Emilia (3,06%), Provincia di Ferrara (1,01%), Comune di Ferrara (0,65%), Ravenna Holding Spa e Provincia di Parma (0,04%).

Di cosa si occupa TPER e da quando opera sul mercato?

Le aree di attività della società TPER coprono diversi segmenti del settore dei trasporti, da quello automobilistico, a quello filoviario, a quello ferroviario di passeggeri.

TPER gestisce il TPL su gomma nei bacini provinciali di Bologna (inclusa Imola) e Ferrara. Si occupa inoltre del trasporto passeggeri in ambito ferroviario regionale, in partnership con Trenitalia, sulla base di specifici contratti di servizio stipulati a seguito di aggiudicazione delle relative procedure ad evidenza pubblica.
TPER, inoltre, nei primi mesi del 2014 è divenuta azionista di riferimento di SETA, azienda che eroga i servizi di trasporto pubblico locale su gomma nelle province di Modena, Reggio Emilia e Piacenza ed è socia di START, che opera i propri servizi nell’area romagnola.

La storia di TPER è ormai “secolare”, la società nasce già a fine ‘800 ed oggi TPER si posiziona al sesto posto per fatturato tra gli operatori di trasporto passeggeri in Italia, con un valore della produzione di circa 236 milioni di euro annui e quasi 3.000 dipendenti.

Quali sono i principali punti di forza / valori aziendali di TPER?

L’Azienda, da sempre, è orientata verso il raggiungimento perpetuo di 3 grandi traguardi, tanto ambiziosi quanto strategici:

1. Efficienza nel trasporto pubblico, fornendo all’utenza un’offerta ottimale (che nel nostro mercato si traduce in capillarità e puntualità dei mezzi). Lavoriamo per massimizzare ogni giorno la soddisfazione, nonché la percezione di valore dell’Azienda, da parte del cittadino;

2. Innovazione, il che significa un’attenzione costante specie sul fronte nella riduzione degli agenti inquinanti da parte dei nostri mezzi, che ovviamente rispettano tutti i regolamenti in materia di emissioni inquinanti, tanto a livello comunitario quanto a livello comunale;

3. Attenzione al bilancio: una gestione aziendale equilibrata è sempre indispensabile per avere “i conti in ordine”, quindi il mantenimento di una solidità economico/finanziaria che permetta all’azienda di implementare un percorso di crescita costante

Quante sono circa le pensiline degli autobus nella città di Bologna?

Solo nella città di Bologna, abbiamo circa 500 pensiline degli autobus, sulle quali gestiamo direttamente le operazioni di manutenzione ordinaria e straordinaria.

 Sappiamo che TPER è molto sensibile anche ai temi della green economy e della sostenibilità ambientale. Di queste 500 pensiline, quante ad oggi sono equipaggiate con pannelli solari?

Attualmente sono circa 30 le pensiline già equipaggiate con pannelli solari; altre installazioni di moduli solari verranno realizzate nei prossimi mesi. I pannelli solari sono la soluzione ottimale per fornire illuminazione notturna alle pensiline: questo è un tema molto importante per la nostra Azienda, in quanto una scarsa illuminazione, specie nelle zone periferiche delle città, metterebbe a rischio la sicurezza dei cittadini, nonché la loro percezione di tranquillità, elementi su cui TPER è da sempre molto sensibile. 

Perché avete deciso di utilizzare i pannelli solari per l’illuminazione di alcune pensiline?

In determinate aree può essere molto complicato fare arrivare la corrente elettrica e di conseguenza è decisamente più semplice installare dei moduli fotovoltaici che garantiscano illuminazione alle pensiline. Il tutto ha anche un’implicazione ambientalista, che per un’azienda sensibile ai temi della green economy e dell’eco-sostenibilità rappresenta sicuramente un fattore importante. Non ultimo, i costi (davvero irrisori) e le operazioni di manutenzione, di fatto non necessarie, rendono questa soluzione una strategia vincente su molteplici fronti: funzionale, ecologico ed economico.

Perché avete scelto Solbian e come ci avete conosciuto?

Effettuando una ricerca su internet fra le aziende italiane che potessero offrire una soluzione adeguata per installare i moduli fotovoltaici sulle nostre pensiline, siamo entrati in contatto con diverse realtà, fra cui Solbian. Nonostante non conoscessimo nello specifico Solbian, abbiamo deciso di dare fiducia a questa Azienda torinese, che da subito ha avuto un approccio disponibile, professionale e flessibile, come i suoi pannelli.  

A distanza di circa 1 anno dalle prime installazioni, potete dire di aver fatto la scelta giusta con i pannelli Solbian?

Assolutamente Si! L’esperienza è stata decisamente positiva, gli obiettivi che ci eravamo prefissati sono stati tutti raggiunti e nuove pensiline in futuro saranno oggetto di installazioni di pannelli solari Solbian

Infine, ultima domanda: Come misurerebbe da 1 a 10 il suo grado di soddisfazione in merito al vostro rapporto con Solbian?

Il giudizio che posso dare è molto buono, quantificare numericamente sarebbe riduttivo. Vorrei darvi 10, ma vi conosco da solamente 1 anno. Sono certo però che in futuro avremo modo di arrivare al 10!

Design: Tembo